APRIRE UN’ATTIVITA’ COMMERCIALE DI SUCCESSO TI SPIEGHIAMO COME FARE A ROMA

Aprire un’attività commerciale a Roma è sempre un’opportunità interessante anche per i giovani che aspirano a diventare imprenditori.

Da dove iniziare? Quali sono i primi passi da fare? Qual è il posto ideale dove aprire un’attività a Roma? Quali sono le autorizzazioni necessarie per aprire un’attività di somministrazione? Abbiamo una risposta a tutte le tue domande.

Vuoi aprire un’attività alimentare a Roma?

Vuoi aprire un bar o un ristorante a Roma?

Quali sono le autorizzazioni necessarie per aprire un’attività a Roma?

Qualunque sia il tuo sogno ricorda che alla base di ogni buon progetto imprenditoriale c’è:

  • chiarezza di ciò che si vuole realizzare;
  • consapevolezza delle proprie capacità ed attitudini;
  • presa di coscienza dell’effettiva potenzialità economica che si ottiene da una corretta analisi delle risorse proprie, combinate con la possibilità di fare accesso a finanziamenti.

A.P.R.E. Roma con il suo team di Business Coach ti accompagna nel percorso di definizione del tuo progetto di avvio di attività commerciale, aiutandoti a districarti anche nel complesso percorso per ottenere le autorizzazioni necessarie.

Sia che si tratti dell’apertura di un bar, sia che si tratti dell’apertura di un ristorante, sia che si tratti dell’apertura di un centro estetico, il prima passo da fare è rivolgerti ad un Business Coach che dopo aver studiato e costruito con te il progetto da realizzare ti affiancherà per guidarti in tutte le fasi di sviluppo dell’idea imprenditoriale.

Vuoi aprire un’ attività alimentare?

Nell’apertura di un’attività commerciale in ambito alimentare A.P.R.E. Roma ti segue in tutta la fase di studio e progettazione dell’attività, che conduce alla redazione ed all’invio della documentazione necessaria per l’apertura.

Trattandosi di attività alimentare, è necessario che il titolare della stessa sia in possesso del requisito professionale SAB (Somministrazione Alimenti e Bevande),ex – Rec, acquisibile o attraverso un corso regolamentato dalla Regione Lazio, o grazie all’esperienza maturata nel settore, deducibile dall’estratto contributivo.

Per attività operanti nel settore alimentare, è necessaria una supervisione da parte di un Tecnico Geometra e un Biologo che producano la documentazione necessaria all’invio della SCIA commerciale (Segnalazione Certificata di Inizio Attività), ovvero redigano una relazione tecnica ed una NISA Sanitaria, secondo i parametri dettatati degli enti di competenza.

 Vuoi aprire un bar o un ristorante?

Le attività di somministrazione di alimenti e bevande sono regolamentate dalla Legge della Regione Lazio n. 21/2006, dal Regolamento Regionale 19 Gennaio 2009, n. 1, adottato con Deliberazione del  Consiglio Comunale n. 35/2010.

Per l’apertura di un bar o di un ristorante  a Roma, è necessario presentare la Segnalazione Certificata di Inzio Attività (SCIA) che include la preparazione di documentazione tecnica da parte di un Geometra, di un Biologo e del titolare dell’attività stessa, per certificare la presenza di requisiti strutturali che riguardano i locali in cui viene svolta l’attività e che interessano sia la superficie destinata alla somministrazione che quella destinata ai servizi, con particolare riguardo agli spazi dedicati alla manipolazione degli alimenti.

Per attività di somministrazione, il comune di Roma, stabilisce che siano dimostrati una serie di requisiti che rispondono ai cosiddetti “criteri di qualità” ad ognuno dei quali è assegnato un valore che consente di raggiungere  punteggio necessario per l’invio della SCIA.  Data la somma totale dei punteggi pari a 200, per aprire un nuovo esercizio di somministrazione, fatto salva la sussistenza dei requisiti strutturali, deve essere garantito il rispetto di un punteggio minimo che varia a seconda della ZONA di appartenenza A, B o C.

Per l’invio della SCIA è necessario allegare la NISA (Notifica Imprese Settore Alimentare) e la relazione tecnica redatta da un geometra abilitato.  A.P.R.E. Roma con i suoi Business Coach è in grado di assistere l’imprenditore nella produzione della giusta ed adeguata documentazione affinché non si trovi ad incorrere in errori che comprometterebbero la nascita dall’attività.

Quali sono le autorizzazioni per l’apertura di un’attività a Roma?

Con l’introduzione della liberalizzazione del commercio, aprire un’attività a Roma, pone meno vincoli, ma allo stesso tempo, richiede particolare attenzione nella produzione della documentazione da presentare agli enti di competenza.

Quando si parla di autorizzazioni necessarie per l’apertura di attività a Roma, si fa riferimento alla redazione di un’autocertificazione, chiamata SCIA (Segnalazione Commerciale Inizio Attività), con la quale il titolare dell’azienda dichiara di essere in possesso dei giusti requisiti per l’apertura. La SCIA si compone di dati anagrafici dell’azienda e del suo titolare, di allegati sanitari (nel caso di attività alimentari, di somministrazione,…) e di relazione tecnica e piantina planimetrica attestante la regolarità dell’immobile. Insieme alla suddetta documentazione, dovranno essere allegati una serie di certificati riguardanti il locale e attestanti i requisiti professionali del titolare.

 

Contattaci e fissa una consulenza gratuita con noi, scoprirai che avviare un’attività commerciale a Roma è semplice con il nostro supporto.