Contratti di prestazioni lavorative a tempo determinato

il 3 Giugno 2016 Categoria:

Importanti novità riguardanti i Contratti di prestazioni lavorative a tempo determinato

Il Ministero del Lavoro, con Interpello n. 32 del 19/10/2012,interviene precisando che, una volta esaurito il periodo dei 36 mesi, (limite massimo di durata per lo svolgimento di mansioni equivalenti con uno stesso datore di lavoro), lo stesso possa ricorrere alla somministrazione a tempo determinato con lo stesso lavoratore.

Già la circolare Ministeriale n.18/2012 chiariva che il periodo massimo dei 36 mesi rappresenta un limite alla stipula di contratti a tempo determinato , ma non all’utilizzo della somministrazione.

Infatti i periodi di somministrazione sono utili ai fini del computo per il raggiungimento della soglia massima dei 36 mesi , ma non rappresentano impedimento per il datore di lavoro al ricorso successivo di utilizzo di uno stesso lavoratore in regime di somministrazione.

Per informazioni o una consulenza in materia di Contratti di lavoro o, nello specifico, contratti a tempo determinato, contattateci con fiducia ai nostri recapiti.

 

Un nostro responsabile sarà felice di assistervi; potete inviare una richiesta via mail