Sostituti d’imposta 2015 – le novità

il 3 Giugno 2015 Categoria:

Il 2015 sarà ricco di nuovi adempimenti per i sostituti d’imposta. L’introduzione è prevista dal decreto legislativo contenente disposizioni in materia di semplificazioni fiscali, in attuazione dell’articolo 7 della delega di cui alla legge n. 23 dell’11 marzo 2014. Infatti oltre ad introdurre la dichiarazione dei redditi precompilata per lavoratori dipendenti e pensionati, il decreto semplificazioni fiscali fa ricadere sui sostituti d’imposta una serie di obblighi che saranno destinati a creare aggravi burocratici.

Dal CUD alla Certificazione unica

La novità 2015 più importante è la previsione dell’introduzione di una nuova e più complessa certificazione che sarà destinata a sostituire il CUD e le altre certificazioni che i sostituti d’imposta annualmente sono tenuti a rilasciare entro la fine di febbraio dell’anno successivo al periodo d’imposta ai lavoratori dipendenti e assimilati, nonché a lavoratori autonomi e percipienti provvigioni e redditi diversi. Viene previsto l’obbligo di trasmissione in via telematica della certificazione unica all’Agenzia delle Entrate.

Cosa prevede il decreto Semplificazioni

La fonte legislativa di riferimento è l’articolo 4, commi 6 ter e 6 quater, del D.P.R. n.322/1998.
Ogni anno è previsto che i sostituti d’imposta rilascino un’apposita certificazione unica anche ai fini dei contributi dovuti all’INPS attestante l’ammontare complessivo delle somme e valori corrisposti, l’ammontare delle ritenute operate, delle detrazioni di imposta effettuate e dei contributi previdenziali e assistenziali.
La certificazione summenzionata va rilasciata agli interessati entro il 28 febbraio dell’anno successivo a quello in cui le somme e i valori sono stati corrisposti.
Ecco quanto prevede Il decreto legislativo sulle semplificazioni fiscali:

  • conferma la data di rilascio delle certificazione che rimane fissata alla fine di febbraio dell’anno successivo al periodo di imposta.
  • prevede le seguenti novità : la necessità di compilare una nuova e più articolata certificazione destinata ad accogliere dati ritenuti necessari all’Agenzia delle Entrate per predisporre le dichiarazioni 730/2015 precompilate.

Quali sono i dati da indicare nella Certificazione Unica

I dati da indicare all’interno della Certificazione Unica sono stati anticipati dall’Agenzia delle Entrate nella bozza di Certificazione Unica 2015 .
Più precisamente vengono richiesti i dati relativi ai familiari a carico ed in più la compilazione riguarda anche le somme corrisposte per compensi di lavoro autonomo, provvigioni e redditi diversi. Per questi ultimi percepienti finora la certificazione veniva rilasciata su carta libera in quanto non era prevista alcuna modulistica.
La certificazione unica prevede anche che vengano indicati anche i dati relativi al Bonus 80 euro previsto dal D.L. n.66/2014.

Procedure e adempimenti del sostituto d’imposta

  • L’adempimento nuovo che viene introdotto riguarda l’obbligo che il sostituto d’imposta proceda entro 7 giorni dalla scadenza annuale prevista per il rilascio della certificazione unica, all’invio telematico della certificazione.
  • La trasmissione telematica dovrà avvenire entro il 7 marzo (la scadenza annuale è il 28 febbraio) .
  • Nel caso di omesso o tardivo invio è prevista una sanzione di 100 euro per ogni certificazione.

Riferimenti normativi

D.P.R. n.322/1998
legge n. 23 dell’11 marzo 2014
D.L. n.66/2014.

Fonte: Il Sole 24 Ore

Per ricevere informazioni o per una Consulenza professionale sui sostituti d’imposta e novità 2015 dichiarazione dei redditi o in materia di Fiscale e Tributaria contattateci con fiducia ai nostri recapiti. Un nostro responsabile sarà felice di assistervi; potete inviare una richiesta via mail

Apre Roma eroga servizi di consulenza e supporto per aziende e professionisti in ambito apertura nuova azienda, contabilità, paghe anche mediante elaborazione per conto terzi adempimenti, caaf, locazioni e cessioni immobiliari e commerciali, pratiche camerali, assistenza hccp, corsi di formazione, certificazioni, sicurezza sul lavoro

Ora è più facile aprire un’attività commerciale.

Fortunatamente, le nuove normative prevedono uno snellimento di tutte le procedure burocratiche e una semplificazione anche per il modulo COMUNICA, che sembra una complicazione per il registro delle imprese, tenuto a smistare i vari comunicati ad altri enti (INPS, INAIL, IVA). Negativo anche per gli imprenditori, che non riescono ad instaurare un contatto diretto con le autorità in grado di garantire l’apertura corretta della propria attività.

Insomma, per l’apertura di una nuova attività, è sempre consigliata e spesso necessaria una consulenza aziendale adeguata sulle normative e sulle procedure.

Se vuoi ricevere un’ottima consulenza professionale per la tua azienda, contattaci

Presso la nostra sede di consulenza aziendale a Roma troverai un nostro consulente Apre Roma, a tua disposizione per ogni dubbio o richiesta sull’iscrizione e le pratiche di apertura di una nuova azienda.

Ti offriamo diversi servizi correlati per l’apertura e la gestione di un’attività commerciale sia in fase di start up, sia per tante procedure di un’azienda già avviata:

Oltre a molti altri servizi correlati.

Contattaci presso la nostra sede di consulenza aziendale a Roma, siamo disponibili a condividere il nostro sapere come supporto per aziende e professionisti nell’ambito di apertura nuove aziende e assistenza pratiche.

Apre Roma eroga servizi di consulenza e supporto per aziende e professionisti in ambito apertura nuova azienda, contabilità, paghe anche mediante elaborazione per conto terzi adempimenti, caaf, locazioni e cessioni immobiliari e commerciali, pratiche camerali, assistenza hccp, corsi di formazione, certificazioni, sicurezza sul lavoro

Non è più possibile commentare.